centroPrevenzione

Antioxid.visio

Antioxid.visio

Componenti:

Acido Alfa-Lipoico, Coenzima Q10, L-Carnitina, Glutatione, Selenio, Taurina, Vitamina A, Vitamina C, Vitamina E.

Acido Alfa-Lipoico

L’acido alfa-lipoico come tale (LA) e in forma idrogenata (DHLA) agisce da cofattore per numerosi enzimi che partecipano al processo di conversione del glucosio, degli acidi grassi e delle altre fonti energetiche in adenosin trifosfato (ATP) (piruvato deidrogenasi, alfa-chetoglutarato deidrogenasi). Tale processo, che avviene a livello mitocondriale, comprende quel complesso insieme di reazioni che è noto con il nome di “ciclo di Krebs”. La disponibilità di acido alfa-lipoico aumenta la percorribilità del ciclo di Krebs e conseguentemente anche l’efficienza dell’intero processo. Per lungo tempo l'acido alfa-lipoico è stato conosciuto come coenzima di un complesso multienzimatico che catalizza la decarbossilazione dei chetoacidi, mentre le indagini più recenti si sono soffermate sulle sue proprietà antiossidanti. Sia LA che DHLA, sono potenti "scavengers" dei radicali liberi e sono in grado di complessare ioni metallici. Essi, inoltre, sono responsabili della rigenerazione delle forme attive di altri antiossidanti cellulari, incluse la vitamina C ed E.  L'acido alfa-lipoico è viene facilmente assorbito a livello intestinale, attraversa la barriera emato-encefalica, e non presenta effetti collaterali di rilievo. E’ utilizzato nel trattamento di malattie metaboliche e degenerative (diabete, neuropatie), ha un’azione detossicante (metalli, funghi) e può essere utile nelle epatopatie.

Coenzima Q10

Oltre ad essere una sostanza indispensabile  per il trasporto di elettroni nella catena respiratoria mitocondriale e quindi per la produzione di ATP, è il più importante antiossidante liofilo non enzimatico endogeno. Viene sintetizzato prevalentemente negli epatociti attraverso la via metabolica del mevalonato. I frequenti trattamenti ipocolesterolemizzanti a base di statine ne inibiscono la sintesi e per cui é spesso necessaria una integrazione alimentare. Il miocardio contiene le maggiori concentrazioni di CoQ10: la supplementazione   è utile in caso di malattie cardiovascolari in genere e particolarmente nell'insufficienza cardiaca congestizia, (caratterizzata da ritenzione idrica, edema, dispnea e circolazione sanguigna compromessa); è stato utilizzato sperimentalmente nel trattamento della distrofia muscolare. A prescindere dai predetti trattamenti farmacologici la sintesi diminuisce con l'invecchiamento, per malnutrizione, nelle malattie infiammatorie croniche.

L-Carnitina

La carnitina è una sostanza fondamentale per il metabolismo energetico in quanto consente agli acidi grassi di entrare nei mitocondri dove verranno ossidati per produrre energia mediante beta-ossidazione. E’ particolarmente concentrata nei tessuti a più alta richiesta energetica come il cuore e i muscoli scheletrici. Questa sua caratteristica la rende utile anche per favorire lo svolgimento delle attività contrattili del miocardio. La carnitina acetilata passa dal torrente circolatorio al circolo retinico attraverso la barriera emato-retinica (BRB) e numerose ricerche ne hanno dimostrato l’efficacia nel trattamento della degenerazione maculare. La carnitina è presente in ogni specie animale, nei microrganismi e nelle piante. Nei mammiferi l’omeostasi è mantenuta mediante  sintesi endogena, assorbimento da fonti alimentari e attraverso un efficiente riassorbimento tubulare.

Glutatione

Il glutatione è il principale antiossidante non enzimatico naturale presente all'interno delle cellule ed é il metabolita chiave per le vie di detossicazione legate al citocromo P450 che è quotidianamente messa alla prova non solo dall'assunzione di farmaci, da sostanze tossiche ambientali come i metalli pesanti o più banalmente dai prodotti di derivazione del fumo di sigaretta e da residui della combustione di idrocarburi. E’ importante anche come immunomodulatore: infatti i linfociti, in particolare quelli appartenenti ai sottotipi T, hanno un'elevata domanda di glutatione per poter espletare regolarmente la loro attività e per replicarsi.

Selenio

Il Selenio è un minerale essenziale. E’ normalmente presente nell’organismo sotto forma di aminoacidi come la seleniomeionina e la seleniocisteina. Il selenio rappresenta la parte prostetica del sistema enzimatico glutatione perossidasi/glutatione riduttasi, enzima chiave per le difese antiossidanti determinante nella prevenzione del danno cellulare da stress ossidativo. Il selenio è anche essenziale per le normali funzioni del sistema immunitario e della tiroide.

Taurina

La taurina svolge un ruolo fondamentale nella sintesi degli acidi biliari; questi acidi, prodotti nel fegato ed incorporati nella bile derivano dal colesterolo e ne facilitano l'eliminazione. La bile è inoltre essenziale per la digestione dei grassi e per l'assorbimento delle vitamine liposolubili. Insieme allo zinco la taurina è importante anche per la visione e per l’integrità delle strutture oftalmiche; è particolarmente concentrata a livello dei globuli bianchi, dei muscoli scheletrici, del cuore e del sistema nervoso centrale (regolarizza la trasmissione degli impulsi nervosi e stabilizza le membrane cellulari). La taurina contrasta i processi di invecchiamento grazie alla sua azione antiradicalica. In soggetti che praticano sport agonistico  la taurina sembra migliorare l'efficienza dell’attività contrattile del miocardio attraverso un incremento  dell’irrorazione cardiaca.

Vitamina A

E’ una vitamina liposolubile particolarmente importante per la sua azione a livello del segmento esterno dei coni e dei bastoncelli della retina oltre che per il normale trofismo degli epiteli mucosecernenti. Ha un ruolo rilevante nell’attivazione dei meccanismi di difesa immunitari.

Vitamina C

Ha un notevole potere riducente e una spiccata attività antiossidante, particolarmente importante a livello plasmatico e del citosol. La sua attività biologica fondamentale è quella di trasportare idrogeno in varie fasi del metabolismo intermedio. Ha una spiccata attività antiemorragica e d’attivazione dell’immunità naturale. Sono soprattutto i tessuti a più alta dignità funzionale e a più intensa attività metabolica i maggiori organi di deposito e utilizzatori di vitamina C: tra questi le capsule surrenali, l’ipofisi e il corpo luteo.

Vitamina E

L’azione biologica della vitamina E è dovuta principalmente alle sue proprietà di antiossidante lipofilo di membrana: sequestrando i radicali perossilipidici previene la propagazione dell’ossidazione degli acidi grassi polinsaturi (PUFA) contribuendo in modo determinante all’integrità delle membrane cellulari. 

Indicazioni: prodotto che si utilizza quando necessiti una marcata attività antiossidante, riequilibrante neurormonale, di protezione della membrana cellulare, nei disturbi e disfunzioni oculari, malattie dell’occhio come degenerazione maculare, cataratta e glaucoma.

Modalità d’uso: 1 capsula al giorno; in casi particolari e per periodi non superiori ai 60 giorni la posologia può essere portata a 3 cp/die.

Condividi