centroPrevenzione

Metalli tossici, terapia chelante

Metalli tossici, terapia chelante
La Terapia chelante è la più potente terapia antiossidante esistente,la sua azione di abbattimento dei radicali liberi insieme a quella di riuscire a rimuovere il calcio dal microcircolo e quella di rimuovere i metalli tossici dai tessuti,ne fa il trattamento di elezione nella lotta contro l’invecchiamento.
L’elemento principale della Terapia Chelante è l’EDTA (acido EtileDiamminoTetrAcetico) che attraverso legami elettrochimici cattura e lega (chelazione) i metalli tossici dai liquidi e tessuti con cui viene a contatto,permettendo così la loro eliminazione con le urine.
La capacità di chelare il calcio dalle parete dei piccoli vasi arteriosi ,determina un’azione antiaterosclerotica,aumentando la flessibilità dei piccoli vasi e migliorando il flusso sanguigno,si ottiene migliore ossigenazione e nutrizione di organi ed apparati.
L’arteriosclerosi è causata da molteplici fattori tra cui l’accumulo di metalli pesanti-tossici e di calcio,le conseguenze più rilevanti sono gli accidenti vascolari:infarto del miocardio,ischemia cerebrale,insufficienza vascolare periferica.
L’efficacia della Terapia Chelante riguardo l’arteriosclerosi e le sue complicanze è stata dimostrata da numerosi ricercatori e studi clinici americani in prevalenza ma anche da studi Italiani.
I metalli tossici detti anche pesanti,sono sostanze inquinanti che penetrano nell’organismo attraverso il cibo,bevande,respirazione,abiti , cosmetici…essi si accumulano lentamente negli organi (ossa,fegato,sistema nervoso,tessuto adiposo..) dove svolgono la loro azione dannosa soprattutto attraverso un sostituzione con i metalli vitali presenti in numerosi sistemi enzimatici cellulari,ne consegue un danno metabolico ed energetico che nel tempo causa una serie di patologie.

I principali metalli tossici e relativi sintomi più gravi sono:
  • ALLUMINIO: astenia,demenza,modificazioni caratteriali,perdita di sensibilità localizzate, paralisi motoria,coliche addominali,eccessiva sudorazione.
  • ARSENICO: astenia,ematuria,ipercheratosi,vitiligine,alterazioni ungueali,polinevriti,nausea,cirrosi epatica.
  • BARIO: salivazione,vomito,crampi addominali,diarrea,extrasistoli,ronzii auricolari,vertigini,spasmi muscolari.
  • CADMIO: cefalea,glaucoma,dolori articolari,perdita appetito,secchezza cutanea,infiammazioni orali e perdita denti,tosse,dolori gastrointestinali.
  • MERCURIO: tremori,disturbi psichici ed emozionali,irritazioni della pelle,danneggiamento del tessuto cerebrale e delle sue funzioni.danni cromosomici.
  • NICHEL: vertigini,nausea,dermatiti,asma,lesioni vascolari cerebrali,neoplasie.
  • PIOMBO: anoressia,turbe comportamentali,difficoltà mnemonica,nevrosi,convulsioni,disturbi della vista,vertigini,dolori muscolari.
  • URANIO: rischio leucemie ed altri tumori.
Benchè la Terapia Chelante abbia raggiunto come trattamento notorietà nel miglioramento della circolazione con la regressione dei processi aterosclerotici,va evidenziato che essa ha applicazioni molto più estese:
  • Miocardiopatie ischemiche stabilizzate non dilatative.
  • Arteriopatie degli arti inferiori in tutti i loro stadi.
  • Retinopatie,in particolare degenerazione maculare della retina.
  • Nefropatie in fase iniziale.
  • Complicanze dell’Ipertensione.
  • Vasculopatie diabetiche.
  • Collagenopatie.
  • Epatopatie tossiche.
  • Invecchiamento precoce.
  • Intossicazioni da agenti ambientali.
  • Effetti collaterali e complicanze dei trattamenti radianti.
  • Prevenzione delle complicanze della malattia aterosclerotica in fase preclinica.
  • Intossicazione da metalli pesanti /tossici.
  • Calcolosi renale e Morbo di Dupuytren.
Riassumendo,la Terapia Chelante è il trattamento di elezione per la rimozione dei metalli tossici , per la prevenzione dei danni da radicali liberi e dell’arteriosclerosi. Questo trattamento è una delle migliori possibilità terapeutiche per il rallentamento del processo di invecchiamento cellulare.

Condividi